Silver Age

I Silver di oggi non sono quelli di ieri. La ricerca di Lattanzio KIBS al Silver Economy Forum

0

Il 5, 6 e 7 novembre scorsi, durante la terza edizione del Silver Economy Forum, sono stati presentati i risultati di due importanti survey condotte da “Lattanzio KIBS”, società di consulenza strategica. I due sondaggi, svolti tra maggio e settembre 2020, hanno indagato i comportamenti e gli orientamenti dei senior tra i 55 anni e i 70 anni durante l’emergenza sanitaria da COVID-19, coinvolgendo un totale di 3.000 partecipanti.

 “Alcuni aspetti come ad esempio la dieta mediatica e l’utilizzo dell’e-commerce evidenziano una trasformazione in atto.”, afferma Annachiara Annino, partner di Lattanzio KIBS. “Lo shock pandemico ha ridisegnato la dieta mediatica e molti altri comportamenti delle persone silver. La televisione è sempre molto amata, ma durante il periodo della pandemia si è registrato un incremento di libri e audiolibri del 27%.  Lo shock pandemico, inoltre, ha spostato il “baricentro mediatico” dei silver verso l’on line; si tratta di dati scontati per altre categorie della popolazione, come Centennials e Millennials, ma ora sappiamo che anche i silver si muovono con disinvoltura fra social network (+45%), stampa online (+37%), blog e forum (+21%).

Tra tutti gli strumenti apprezzano soprattutto i media veloci, dalla spiccata interattività, che svolgono efficacemente la funzione di infotainment e permettono di condividere emozioni e opinioni.  L’interesse verso giornali e riviste cartacee, invece, si è contratto (-14%), mentre la radio ha risentito senza dubbio delle limitazioni di spostamento (-7%).

Anche le logiche di acquisto in generale, e dei prodotti alimentari in particolare, sono cambiate. Prima della pandemia il 19% degli intervistati acquistavano prodotti alimentari online; durante il lockdown ben il 42% ha dichiarato di aver acquistato prodotti grazie all’utilizzo di canali di e-commerce. Con un dato di shift fra coloro che non acquistavano, hanno acquistato e continueranno ad acquistare dell’11% (New Adopter), i dati di shift per i beni non alimentari è del 5%. Infine, tra coloro che hanno fatto acquisti online, il 75% ha acquistato in autonomia con carta di credito senza alcun supporto da parte di familiari o amici.

In sostanza dalle indagini condotte emerge un profilo di consumatore curioso, vivace, partecipe ai cambiamenti, senza alcun conservatorismo, desideroso di un intrattenimento colto e sensibile ad una pluralità di fonti di informazione.  Infine, va sottolineato anche un avvicinamento disinvolto alle novità tecnologiche e distributive. La domanda che dobbiamo quindi porci è se il retail, le compagnie assicurative, le banche sapranno far fronte ai bisogni emersi ed emergenti di un “universo in espansione”.

Per approfondire le indagini condotte da Lattanzio KIBS, vi invitiamo a scaricare il documento che trovate di seguito.

Aon a supporto delle PMI con Cyberwatching.eu: l’osservatorio europeo della ricerca e dell’innovazione nel campo della cybersecurity e della privacy

Previous article

Silver Economy: un mercato in rapida evoluzione

Next article

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login/Sign up