Commercial Risk

(Ri)valuta il tuo rischio

0

Viviamo in un mondo sempre più volatile in cui i rischi sono sempre più interconnessi; ogni giorno emergono nuove incertezze e sempre maggiori pressioni su chi prende le decisioni. 

Risulta quindi fondamentale per tutte le Organizzazioni, alla luce anche del recente aumento del prezzo delle materie prime, l’inflazione e l’allungamento delle tempistiche delle catene di approvvigionamento, rivedere i valori assicurati all’interno delle proprie polizze Property, per non incorrere nel rischio di essere sotto-assicurati in caso di sinistro.

Di seguito alcune testimonianze fornite dagli esperti Aon per approfondire la rilevanza della tematica e il supporto che forniamo ai nostri Clienti:

“Grazie ad un portafoglio Clienti costituito da circa 8000 realtà tra aziende ed enti pubblici e al continuo monitoraggio degli orientamenti economici di inflazione nazionale e globale, abbiamo piena consapevolezza rispetto alla necessità di fornire all’assicuratore della polizza Incendio/All Risks una rappresentazione aggiornata dei valori assicurati per permettere una adeguata valutazione e sottoscrizione del rischio e, in caso di sinistro, una rapida e corretta liquidazione. Aon mette a disposizione dei Clienti oltre 120 Client Partners e 250 Broking Executives su tutto il territorio nazionale per instaurare un dialogo efficace su questo tema di assoluta rilevanza al fine di intervenire al meglio e con tempestività sul contratto assicurativo.”

Giulio Poli, Head of Commercial Risk e Vicedirettore Generale, Aon

“La struttura della Claims Division di Aon, con oltre 100 professionisti esperti nei rami property e liability, presenti in tutto il territorio nazionale, gestisce annualmente oltre 6.500 nuovi casi riferiti alle garanzie Incendio/All Risks. L’assicurazione parziale (c.d. sotto-assicurazione), di cui all’art. 1907 del codice civile, rappresenta uno degli aspetti più delicati nel processo di valutazione e gestione del sinistro. In caso di danno, il perito nominato dalla Compagnia ha il compito di accertare il valore complessivo dei beni assicurati, al fine di verificare la congruità delle somme assicurate e dichiarate all’Assicuratore in fase di rappresentazione e sottoscrizione del rischio (c.d. pre-esistenza),  e appurare se questi importi siano coerenti con l’effettivo valore a nuovo – di ricostruzione o di rimpiazzo – o valore allo stato d’uso. Qualora al momento del sinistro le somme assicurate risultassero inferiori rispetto al valore a nuovo o al valore allo stato d’uso dei beni, si incorre nel rischio concreto che la liquidazione sia decurtata a causa dell’applicazione della cosiddetta “regola proporzionale”. Nell’ultimo anno, l’aumento dell’inflazione e, nello specifico, dei costi delle materie prime ha comportato l’incremento dei sinistri in cui è stata riscontrata la sotto-assicurazione. Raccomandiamo pertanto di aggiornare la valutazione delle somme assicurate, affidando questa attività a esperti del settore, in base allo stato effettivo del rischio al fine di prevenire pesanti decurtazioni degli importi indennizzati, che resterebbero inevitabilmente a carico dell’Assicurato.”

Ellen Bertolo, Head of Claims, Aon

“Il nostro operato quotidiano è rappresentato dal dialogo con le Compagnie Assicurative per assicurare ai nostri Clienti le migliori condizioni possibili di trasferimento del rischio. Con specifico riguardo alle polizze Incendio/All Risks questo processo viene articolato sia dal punto di vista quantitativo – negoziamo la migliore tassazione possibile applicata ai valori assicurati – che qualitativo. Oltre a negoziare limiti e sotto-limiti d’indennizzo congrui a seconda del profilo di rischio dell’Assicurato, ci impegniamo ad utilizzare normativi che forniscano ai nostri Clienti le più ampie tutele disponibili sul mercato. Con specifico riferimento all’aumento dell’inflazione e dei costi di ricostruzione, ripristino e rimpiazzo, il rischio di incorrere nel meccanismo della “regola proporzionale” è solitamente gestito tramite una deroga del disposto 1907 del c.c. “Assicurazione Parziale” a favore dell’Assicurato con l’impostazione di una commisurata soglia percentuale di tolleranza. Considerato però il perdurare dello scenario di inflazione ed i rilevanti aumenti percentuali, soprattutto per alcuni settori e materiali, queste tutele contrattuali potrebbero comunque risultare non totalmente sufficienti pertanto è consigliabile effettuare una valutazione dei valori assicurati in corso d’anno o comunque al primo rinnovo utile al fine di evitare problematiche di gestione e liquidazione di un eventuale sinistro.”

Paolo Gervasoni, Broking Director, Aon – Milano

“L’aumento del costo delle materie prime è un tema che viviamo quotidianamente considerato l’impatto che questo trend sta avendo per i nostri Clienti. Il dialogo sul tema con i nostri referenti aziendali è su più livelli: sia rispetto alle soluzioni innovative di trasferimento del rischio sviluppate dal mercato assicurativo che rispetto alle esigenze di adeguamento dei contratti assicurativi esistenti. In relazione a quest’ultimo tema raccomandiamo una verifica dei valori di ricostruzione a nuovo per la partita “fabbricati”; di rimpiazzo/sostituzione per gli enti assicurati nella partita “macchinari/contenuto” e, naturalmente, una medesima analisi della partita “merci” essendo questa correlata ai costi delle materie prime. Anche la somma assicurata della sezione Danni Indiretti della polizza Incendio dovrà essere verificata qualora questo scenario abbia o meno impatto, in maniera importante, sulla marginalità dell’azienda. Una valida soluzione di gestione e presidio del rischio che spesso proponiamo ai nostri Clienti è l’utilizzo della “stima preventiva”, ovvero il ricorso a società professioniste di valutazione e stima patrimoniale dei beni (inclusa la stima secondo i criteri utilizzati dal mercato assicurativo) il cui operato ed elaborato, di fatto, verrà recepito come elemento contrattuale dall’assicuratore, pertanto in caso di sinistro il perito incaricato non andrà a verificare le pre-esistenze.”

Luisa Di Feliciantonio, Client Partner, Aon – Ancona

Flee lancia Flee+: dove il noleggio a lungo termine incontra la condivisione

Previous article

On Aon Italy

Next article

Comments

Comments are closed.